Fase II – Il quadro di riferimento ambientale

Alcune osservazioni in merito al secondo capitolo della relazione preliminare ambientale della Variante del PRU Rubattino intitolato, appunto, Quadro di riferimento ambientale.

Da pagina 30 a 56, i redattori del documento illustrano il contesto in cui il nuovo progetto si verrà ad insediare e vengono analizzate le congruenze o meno che potrebbero esserci nel progetto tramite confronti con i diversi piani territoriali, urbanistici ed ambientali che fungono da normale riferimento in questi contesti:

  • Piano Territoriale Regionale (PTR);
  • Piano Paesistico Regionale;
  • Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale;
  • Piano Regolatore Generale;
  • Piano Governo del Territorio (PGT).

Tanti, forse troppi, piani che dovrebbero regolamentare lo sviluppo urbanistico/territoriale delle nostre aree che hanno però la tendenza, salvo rari casi, ad essere molto generici e ad ampio respiro. È importante considerare inoltre che il PRU Rubattino si sviluppa in un’area ex-industriale…
Al di là di qualche prescrizione mirata su una continuità del verde lungo l’asse Parco Lambro – Parco Forlanini, quindi, non ci sono grandi aspetti prescrittivi in riferimento a quanto sia possibile realizzare.
Inutile dire che dal rapporto emerge una completa compatibilità del progetto proposto a tutti i summenzionati piani.

Sotto questo aspetto, il capitolo funge comunque da utile riferimento per avere un’idea aggiornata di quanto sia previsto nel prossimo futuro relativamente allo sviluppo della ‘vecchia’ Lambrate.
Lo stesso è arricchito da informazioni aggiuntive relative a quanto previsto nel PGT di Segrate per le aree immediatamente prospicienti il lato est dell’area Rubattino, Redecesio per intenderci, dove alcune ex aree produttive verranno riqualificate a vocazione residenziale (viabilità mia che te ne vai… 😦 )

Vengono inoltre trattati nel capitolo un paio di aspetti che potremmo considerare più direttamente ‘ambientali’: la localizzazione dell’area di progetto in relazione alle industrie insalubri e agli elettrodotti. In entrambi i casi non vengono riscontrate non conformità rispetto a quanto richiesto nel merito dalla normativa.

Una nota: la relazione ambientale preliminare rimanda ad una serie di allegati i cui riferimenti non ho avuto occasione di segnalare nei miei precedenti post.

Direi comunque che questo capitolo appare piuttosto ben sviluppato, anche se nella sostanza non si può certo dire che il vero e proprio ‘confronto’ del progetto con la compatibilità ambientale sia ancora avvenuto.

Mi aspetto di trovarlo nel capitolo 3 – Analisi delle principali componenti ambientali, cui verranno dedicati i prossimi post.

Alla prossima!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in PRU Rubattino, PRU-Fase II e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...